Il team di biologi che per primo studio questa curiosa alga blu-verde rimase estasiato: la quantità di proteine che avrebbe potuto fornire all’alimentazione umana era incredibile!

Poi le ricerche sono continuate, e ad ogni test la spirulina ha riscosso pieni voti: oggi l’Organizzazione Mondiale della Sanità la definisce “l’alimento più completo al mondo”, e gli astronauti della Nasa già la assumono durante le missioni spaziali.

Se dobbiamo definire la Spirulina in una parola, ci viene in soccorso un termine molto popolare nei blog del food, già attribuito ad altri alimento come la quinoa: “Superalimento”.

Se la definizione è in molti casi impropria, per la spirulina non c’è storia. E non necessita nemmeno di complessi processi di estrazione!

Infatti la spirulina è un prodotto naturale, privo di additivi, che non subisce alcuna trasformazione né durante né dopo la coltivazione. 

Ma veniamo ora ai componenti di questa straordinaria microalga.

Gli amminoacidi – i mattoncini che compongono le proteine – ne costituiscono il 60-70%*.

Proteine vegetali

70%

Questo valore è superiore a tutti gli altri alimenti convenzionali.

Facciamo un’ulteriore distinzione tra amminoacidi: ci sono quelli non-essenziali, cioé quelli che il corpo umano sa produrre in autonomia. Di questi fa bene un’integrazione in alcuni casi che vedremo. 

Ma quelli che più ci interessano sono gli amminoacidi essenziali. Questi è fondamentale assumerli attraverso l’alimentazione. Li avrete già sentiti sotto il nome di “proteine”: sono ormai una parte importantissima della piramide alimentare, e se non assunte provocano scompensi, patologie, e gravi carenze.

La Spirulina contiene 8 amminoacidi essenziali:

Isoleucina

Leucina

Lisina

Metionina

Fenilalanina

Treonina

Triptofano

Valina

E anche una grande quantità di aminoacidi non essenziali:

Cisteina, glicina, alanina, acido aspartico, acido glutammico, arginina, istidina, prolina, serina ….

Ma non è finita! La spirulina è anche una fonte di vitamine:

Vitamina A (beta-carotene): 15 volte in più rispetto alle carote

Vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B5, B6, B7, B8, B9, B12)

Vitamina D**

Vitamina E

Vitamina K

Capirete quale sia stato lo stupore dei ricercatori, trovandosi di fronte a questa miniera di elementi utili per la vita umana. Abbiamo anche:

Carotenoidi (Antiossidanti)

Omega-6

I Carotenoidi sono, più precisamente, degli antiossidanti naturali: l’alga, di colore verde-blu al suo stato naturale, contiene dei pigmenti giallo-arancio, sottili ma di colore molto vivace. La metà di questi sono carotenoidi, e di questi un’altra metà sono xantofille. 

Se conoscete il betacarotene, è di questo che stiamo parlando. 

“La Spirulina è sicuramente l’elemento nutritivo più completo che si possa trovare in natura, sia per quanto riguarda i prodotti vegetali, sia le fonti animali…”
J.L. Vidalo – Medico nutrizionista specializzato nell’allentamento degli sportivi

E il colore blu/verde? Molto spesso anche il pigmento, nelle sostanze naturali, ci dà delle indicazioni sul contenuto nutrizionale. Per questo motivo molti medici e nutrizionisti invitano a consumare tanta frutta e verdura dei 5 diversi colori, durante la giornata.

Vediamo cosa significa il blu/verde acceso così tipico della nostra spirulina:

– Clorofilla: conosciuta per il suo potere disintossicante, viene a volte chiamata “sangue verde” perché ricorda la molecola dell’emoglobina presente nel sangue umano. Grazie alla somiglianza tra la clorofilla e l’emoglobina ed alla sua alta biodisponibilità di ferro, essa è adatta a chi soffre di anemia.


– Ficocianina: è presente al 14% all’interno della composizione della spirulina. Molti studi dimostrano che stimola il sistema immunitario.


– Carotenoidi (antiossidanti naturali): circa la metà dei pigmenti gialli/arancio della spirulina sono dei carotenoidi, di cui quasi la metà sono xantofille. Anche se il beta-carotene è il più conosciuto, la miscela di carotenoidi della spirulina agisce in sinergia per migliorare le funzioni antiossidanti.


– Polisaccaridi: principalmente sottoforma di ramnosio e di glicogeno, due polisaccaridi facilmente assorbiti dal corpo con una minima risposta insulinica. La spirulina fornisce una rapida sferzata di energia, senza accelerare il processo di ipoglicemia.


Alcuni grammi di Spirulina corrispondono a 18 carote!

Siamo arrivati alla carrellata finale. Abbiamo visto amminoacidi (proteine), carboidrati, vitamine. Mancano i Sali minerali, ma la spirulina non ci delude. Infatti nella sua ricca composizione conta anche:

Ferro***

Magnesio

Fosforo

Potassio

Calcio

Selenio

Sodio

Rame

Zinco

Manganese

Una grande quantità di enzimi (il principale è la SOD).

Fonte:

* Studies on the proteins of mass-cultivated, blue-green alga (Spirulina platensis) 1981, J. Agric. Food Chem. 1981, 29, 3, 522–525 M. Anusuya Devi G. Subbulakshmi K. Madhavi Devi L. V. Venkataraman

** La Scienza in Palestra 2018 “Vitamina D: è utile nell’atleta?” Anna Pulcina

*** Iron Availability from Iron-Fortified Spirulina by an in Vitro Digestion/Caco-2 Cell Culture Model 2001, Dr. Jean-Max ROUANET, Unité Nutrition, Laboratoire Génie Biologique et Sciences des Aliments, CC 023, Université Montpellier II